Maggio 2015

  • Nuova procedura per spedire oggetti personali in Corea

Nuova procedura per spedire oggetti personali in Corea

condividete questa pagina:

Le autorità doganali coreane (Korean Customs Service – KCS) hanno annunciato di recente una nuova procedura che prevede l’indicazione di un codice di sdoganamento personale (PCCC – Personal Customs Clearance Code) al posto dell’identificativo nazionale (Resident Registration Number – RRN) nelle dichiarazioni per la dogana in caso di spedizioni di oggetti personali da e per la Corea. Tale modifica è stata introdotta conformemente alle disposizioni della legge sulla tutela dei dati personali ratificata dal governo coreano nel 2011 e finalizzata a proteggere le informazioni di carattere personale.

Attiriamo quindi l’attenzione di tutte le parti coinvolte nella preparazione di questo tipo di spedizioni a prendere nota delle informazioni qui sotto indicate per garantire un rapido ed efficace passaggio alla dogana coreana degli oggetti personali. Diversamente, si rischia di incorrere in ritardi e oneri supplementari:

  • Il numero RRN è un numero di 13 cifre attribuito a tutti coloro che risiedono in Corea. È una sorta di “codice fiscale” e viene ampiamente utilizzato per l’identificazione online.
  • Il PCCC è costituito da 12 cifre precedute dalla lettera P (ad esempio P123123123123) e viene emesso dalle autorità doganali coreane agli operatori che intendono spedire oggetti personali da o per la Corea.
  • I cittadini coreani possono generare un codice PCCC quasi istantaneamente attraverso il sito dedicato (https://p.customs.go.kr, disponibile solo in coreano), precisando le informazioni contenute nel loro certificato di accreditamento. Un’altra possibilità per avere il codice PCCC consiste nel farne richiesta tramite e-mail o fax alla sede doganale principale del distretto amministrativo elencato nel sito dedicato. Solitamente la richiesta richiede uno o due giorni lavorativi.
  • I cittadini non coreani sono autorizzati a indicare il numero del loro passaporto per facilitare lo sdoganamento delle spedizioni.