• Six Top Tips for SMEs to Boost Cross-Border Trade

Soluzioni > Sei consigli alle PMI per dare impulso al commercio transfrontaliero

 

Sei consigli alle PMI per dare impulso al commercio transfrontaliero

di Raj Subramaniam
Executive Vice President, Global Strategy and Marketing, FedEx

Leggete questi sei consigli tratti dall’ultimo studio commissionato da FedEx dal titolo “Seizing the Cross-Border Opportunity” (“Cogliere le opportunità transfrontaliere”). Condotto da Forrester Consulting, lo studio ha esaminato oltre 9.000 persone che effettuano acquisti online e 34 PMI che svolgono attività di ecommerce transfrontaliero. Il dato principale? Nel 2015 le aziende europee devono personalizzare la loro offerta online in base alle molteplici preferenze dei consumatori; un approccio di tipo “taglia unica” determinerebbe una battuta d’arresto piuttosto che un balzo in avanti.

  1. Distinguetevi dagli altri
    Gli acquirenti online sono influenzati da svariati fattori negli acquisti transfrontalieri, ma la motivazione più influente citata nello studio è la non disponibilità dell’articolo nel loro paese di origine. Il 75% dei rispondenti considera tale fattore “molto influente” o “influente”.
  2. Offrite i vostri prodotti su mercati online affidabili
    La maggior parte dei rispondenti di tutti i paesi analizzati ha indicato i maggiori rivenditori o le più importanti piattaforme online multimarca come prima scelta tra cinque diverse tipologie di aziende per gli acquisti transfrontalieri.
  3. Avvaletevi delle competenze logistiche
    Lavorate a stretto contatto con almeno una grande azienda logistica. Tali fornitori possono offrire copertura globale, consegne rapide/accurate e costi competitivi. Ciò che realmente contraddistingue i fornitori migliori, tuttavia, sono il servizio e l’assistenza nel calcolo degli oneri doganali, nella compilazione dei documenti, nella possibilità per gli esercenti di fatturare anticipatamente gli oneri e nella semplificazione dei resi transfrontalieri.
  4. Lavorate sui numeri!
    Studiate il vostro traffico e la vostra attività corrente a livello internazionale. Un gran numero di commercianti intervistati ha iniziato la propria attività transfrontaliera involontariamente, perché individuato dai clienti internazionali con modalità facilmente accessibili, come la ricerca sul web e la pubblicità online.
  5. Puntate al successo
    Decidete se volete espandere o restringere il vostro raggio d’azione. Volete provare a servire molti mercati o focalizzarvi in modo più aprofondito solo su alcuni? I vostri prodotti e servizi hanno un appeal ampio o risultano più interessanti per determinati paesi? Se intendete focalizzarvi solo su alcuni mercati, considerate se valga la pena investire più risorse in servizi quali la traduzione del sito internet, la pubblicità online e una più ampia gamma di metodi di pagamento.
  6. Conclusioni finali
    Individuate le risorse giuste in base alla vostra strategia e alle esigenze future. Pensate a servizi e offerte che faranno la differenza per i clienti che intendete raggiungere. Sia che i vostri clienti individuino i rivenditori attraverso il passaparola, i motori di ricerca o la pubblicità, senza dubbio otterrete migliori risultati se vi rivolgerete a un partner logistico affidabile con un expertise e un network globale consolidati.